Formarsi

Addio mio Novecento

Parole su fondo bianco: ed ecco fatta la copertina di “Addio mio Novecento”. Semplice, vero? No, non è proprio così. Non si tratta di parole qualunque, ma quelle di una delle poesie contenute in un libro che richiede una certa predisposizione ad essere letto, perché la comprensione del genere “poesia” non è proprio alla facile portata di tutti. copOKCon la poesia bisogna prendere dimestichezza… oppure semplicemente lasciarsi andare ed amarla, facendo sì che ogni parola ci guidi liberamente sulla via dell’emozione. Questa è la sensazione trasmessaci dal libro in cui Aldo Nove – poeta e scrittore – con delicatezza manifesta i suoi ricordi e le sue paure, con quel senso di nostalgia comune a tutti gli uomini perché, nei ricordi, trovano le loro radici conforto e rassicurazione.

“Addio mio Novecento” è come la sua copertina: solo apparentemente cupo – come solo apparentemente scarna è la copertina – scorrendone le pagine si rivela non una sola e limitante evocazione del ricordo, bensì l’espressione di come da questo si possa trovare la spinta a liberare la propria personalità. È la forma del contrasto, dell’essere stato e del divenire. La vittoria dopo la paura.

Danda Delfino

Letti per voi                          

NOTE BOOK

Titolo

Addio mio novecento

Autore

Aldo Nove

Editore

Einaudi

Prima edizione

2014

Pagine

112

Genere

Poesia

Prezzo di copertina

€ 11,00

e-book

€ 6,99

 

 

 

You must be logged in to post a comment.