Atelier Storie

Una risata al giorno… anzi, due!

Non esiste cosa peggiore di un bambino che soffre. E se per quelli che vivono lontani da noi, in altri mondi, mettiamo a tacere la nostra coscienza proprio perché da noi sono lontani (anche se poi non così tanto… il loro dolore di bambini violati lo troviamo spesso sugli scaffali dei negozi di prodotti a basso prezzo!), e ci alleggeriamo il cuore con qualche spicciolo che a loro difficilmente arriva. Premessa doverosa, questa, che non sminuisce certo l’impegno di chi, quotidianamente, ha scelto di mettersi a disposizione dei bambini per portar loro un sorriso e… farli ridere! E si sa, ridere fa bene a tutti, grandi e piccini, e quando vediamo un bambino che ride anche il nostro cuore si scalda, perché è come guardare ad un futuro migliore. 

Clown Therapy

Purtroppo, come ben sappiamo, la realtà è ben lontana dal far sorridere tutti i nostri bambini, ma di sicuro a quelli che soffrono possiamo portare un po’ di sollievo. Con un sorriso e tanta allegria. E, grazie alla buon volontà di molti – volontari e professionisti, medici e artisti – oggi la gelotologia è una realtà operativa in molti centri clinici che ospitano i bambini per terapie di vario genere: il termine (che deriva dal greco ghelos, risata) può destare un certo timore, ma in realtà si tratta della più nota clown terapia, attività da non sottovalutare perché per farla bene non è sufficiente infilarsi una parrucca ed appuntarsi un naso rosso. Dietro ad una attività che voglia dirsi efficace, in quanto correttamente eseguita, sta un processo di formazione che richiede molto impegno e serietà da parte di chi la pratica: non solo semplici clown, bensì terapisti della risata, consapevoli che gli effetti prodotti dal rapporto interpersonale che si instaura con il bambino/paziente avranno efficacia sul suo umore e, di conseguenza, porteranno benefici psicofisici importanti. Ne abbiamo perciò parlato con due protagonisti: Scarpetta e Muffin.

Danda Delfino

POTREBBERO INTERESSARTI

You must be logged in to post a comment.