Storie

Donne segnate

Forza e gentilezza: ecco due virtù che definiscono la bellezza cui ci siamo voluti da sempre ispirare. Forza e gentilezza, ecco in due parole raccontata la personalità di Rossella Baldecchi, l’artista pistoiese che ha scelto di farsi portavoce delle violenze che donne e bambine (e bambini) subiscono, giorno dopo giorno, in tutti gli angoli del pianeta. A loro sono ispirate le sue opere più recenti, apprezzate dal pubblico ovunque siano state presentate: apprezzamenti inevitabili, quando a dipingere è un cuore da cui trasudano, appunto, forza e gentilezza.

La forza di una persona che non si perde d’animo davanti alle avversità, ma anzi da queste attinge nuove energie che divengono messaggi d’amore.

La gentilezza di chi sa sorridere agli altri in ogni circostanza, ispirata e ispirante nel desiderio di poter davvero migliorare il mondo. Concretamente.

LOCANDINARossella Baldecchi sta per inaugurare una nuova personale – la prima di sola grafica – al Museo di Fabriano, città dove è già stata presente in varie rassegne d’arte e con una personale. Dal Direttore dei Musei Comunali, è stata invitata a esporre nel prestigioso Museo della Carta e della Filigrana una serie di opere grafiche, incisioni realizzate con la tecnica dell’acquaforte e affiancate, per la prima volta, dalle matrici in rame da cui sono state generate: un’esposizione particolarmente affascinante, quindi, dal momento che abitualmente queste restano chiuse negli atelier degli artisti!

Ma lasciamo che siano le parole di Giorgio Pellegrini, Direttore del Museo della Carta e della Filigrana di Fabriano, a presentare la mostra:

«Il Museo della Carta e della Filigrana è il luogo dove si celebra, a Fabriano, la plurisecolare tradizione manifatturiera che ha reso la Città della Carta famosa in tutto il mondo per il suo contribuito alla diffusione del sapere e per aver offerto agli artisti di tutti i tempi lo spazio ideale su cui dare forma alla propria creatività. Per questo il museo vuole essere anche la casa degli Artisti ed è per questo che al suo interno, da oltre 15 anni, si realizzano premi, mostre, workshop e residenze artistiche con l’obiettivo di perpetuare e consolidare il sodalizio ideale tra Carta ed Arte.
La mostra di Rossella Baldecchi si inserisce perfettamente in questo contesto rendendo emozionante la percezione dell’intensità del rapporto tra la carta e l’Artista e quanto questo emerga dalle sue incisioni, come i graffi inflitti alle lastre di metallo restituiscano tratti d’inchiostro eterei, quanto struggenti, che declinano gli stati d’animo delle sue “Donne Segnate”.
Non è questa la sua prima apparizione nelle Marche, anzi, dal 2014 dopo le 2 personali di Fabriano e Sassoferrato e l’invito al Premio Salvi e “Artisti con cataloghi al seguito”, evento curato da Giuseppe Salerno proprio in questo museo, ha preso a frequentare la nostra regione con una certa assiduità non trascurando – tra una lezione e l’altra di design tenute al Liceo Artistico di Pistoia – prestigiosi contesti nazionali e internazionali. Cos’altro aggiungere se non… bentornata a casa Rossella!».

Chi volesse conoscere più da vicino Rossella Baldecchi, può visitare il suo sito www.rossellabaldecchi.com anche se… un giretto a Fabriano invoglia… e qualcuno potrebbe anche avere la fortuna di incontrarla in mezzo ai volti delle sue creature.

Danda Delfino

INVITO DONNE SEGNATE R. BALDECCHI

 

You must be logged in to post a comment.