Atelier

Falling in… book

portrait of young beautiful asian woman standing in yellow flowers blooming park summer season and reading a book with happy face emotionAmiamo profondamente la lingua italiana, tanto che raramente troverete su uno dei testi di EgoBene termini stranieri: ne abbiamo tanti e belli tutti nostri, che utilizzarne altri è spesso solo una moda, peraltro limitante. Però… ci piace molto il modo in cui la lingua anglosassone definisce l’innamoramento (falling in love, cadere in amore), e lo abbiamo voluto parafrasare per gioco, così da aprire un discorso sulla lettura. Ben venga, infatti, il “falling in book”, l’innamorarsi di un libro: cosa che per chi abitualmente legge è azione scontata, e sa perfettamente di cosa intendiamo parlare. Per i poco propensi alla lettura il concetto può non essere chiaro, allora per meglio intenderci paragoniamo il libro alla persona che ci cattura i pensieri con le prime esperienze amorose, quelle che rendono la vita più coinvolgente e colorata, facendo volare la fantasia sulle ali di sogni dolcemente folli, talvolta irrealizzabili. Ma intanto sogniamo. La stessa passione la dona la lettura, immergendoci in un mondo diverso, in cui possiamo diventare qualunque cosa si desideri.

Chi ama i libri li corteggia, come un innamorato. Non vai subito al sodo, non ci sarebbe gusto: giorno dopo giorno, pagina dopo pagina, apprezza quello che scopre di nuovo, appagato nella curiosità di scovare sempre qualcosa di più, restando col fiato sospeso al pensiero di cosa accadrà domani. L’amore per la lettura è un impeto senza limiti, impossibile da colmare completamente, che si può placare soltanto dissetandosi poco alla volta alla preziosa fonte dei libri. Un amore senza fine, perché terminata una storia… se ne può iniziare subito un’altra, senza porci scrupolo alcuno: non si tratta, infatti, di disdicevole adulterio, ma semplicemente di… coinvolgentemente condivisibile e fatale attrazione!

Danda Delfino

POTREBBERO INTERESSARTI

You must be logged in to post a comment.