Movimento

Se in altre pagine di questo blog abbiamo valutato come poter scegliere il tipo di “benzina” più adatta a quella grande e splendida macchina che madre Natura ci ha dato – il nostro organismo! – qui valutiamo la necessità di mantenerla in ordine affinché il suo “motore” possa rendere al meglio e, di conseguenza, durare bene e… il più a lungo possibile! INTROMOVIMENTO

Con questo giochino di parole abbiamo catturato la vostra attenzione? Se è così, allora iniziamo l’allenamento, alzatevi e… camminate, correte, pedalate, andate in palestra o in piscina: insomma, fate quello che vi pare, ma muovetevi! Non c’è che l’imbarazzo della scelta fra tante discipline sportive da poter praticare, all’aria aperta come in una palestra, anche se 30 minuti al giorno di semplice camminata a passo svelto sono considerati sufficienti per stimolare il metabolismo e l’attività cardio-circolatoria, con i numerosi benefici che ciò comporta.

Una semplice camminata quotidiana ha anche il vantaggio di non gravare sul bilancio familiare, visto che richiede un unico investimento iniziale: un buon paio di scarpe sportive, comode e che contengano bene il piede, per non sforzarlo. Chi ha la fortuna di vivere in campagna, o chi comunque dalla propria abitazione può raggiungere con facilità anche un giardino pubblico, si trova certo avvantaggiato rispetto a chi invece abbia fra sé e il verde un bel percorso da colmare… magari troppo (sic!), ma ciò significa non tanto rinunciare al movimento, quanto piuttosto cambiare le proprie abitudini: usare la bicicletta o i mezzi pubblici per raggiungere il luogo di lavoro, ad esempio, ed insegnare ai propri figli a fare altrettanto! Ne guadagnerete in salute, e darete il vostro contributo quotidiano a rendere l’aria più respirabile!

Già vi sentiamo protestare… “Devo portare i bambini a scuola prima di andare al lavoro!”, “Certo, facile a dirsi ma poi chi fa la spesa al posto mio!”, “Ma come si fa, devo passare dal dentista… ho da stirare… le pulizie di casa incombono… come si fa a conciliare tutto!”… e così via. Siamo d’accordo con voi, non è proprio facile ma si può fare, basta sapersi organizzare. Come insegna un proverbio africano: “Chi vuole sul serio qualcosa trova una strada, gli altri una scusa” e se pensiamo che in gioco mettiamo la qualità della nostra vita, vale la pena almeno tentare di imboccare una strada migliore. 

Se camminare è cosa che non vi basta, guardatevi intorno – o, meglio, guardate in EgoBene! – perché le discipline con le quali sbizzarrire le proprie velleità motorie sono veramente tante, e per ciascuna sono da valutare in tutti i pro e i contro prima di sceglierla come svago per corpo e mente.

Danda Delfino

ARTICOLI CORRELATI

Tennis: El purta… le scarpe da tennis

Basket: Mr. Naismith e le ceste da frutta, Parola di coach: Paolo Ricci 

Kayak: Vecchio quanto gli Inuit: anzi, di più!

Tennistavolo: Ping chiama, pong risponde! 

Danza del ventre: Molto più che semplice seduzione

Pilates: Un bambino alla riscossa

Bicicletta: E pedala, pedala, pedala…